MISE: 140 MILIONI PER DISCOTECHE, PALESTRE, PISCINE

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha attivato il fondo da 140 milioni di euro per sostenere le attività d’impresa e professioni che sono rimaste chiuse per legge, in conseguenza delle misure restrittive adottate per fronteggiare l’emergenza Covid.

Discoteche e sale da ballo sono alcune delle attività che potranno richiedere i contributi a fondo perduto fino a un massimo di 25 mila euro, per ciascun soggetto beneficiario, e a cui è destinata una quota pari a 20 milioni di euro del fondo istituito dal Ministero.

Fino a 12 mila euro l’ammontare dei contributi che invece potranno essere richiesti da altre attività ammesse alla misura come palestre, impianti sportivi, parchi tematici, eventi di teatro, cinema, arte, fiere e cerimonie. 

Il decreto interministeriale, già firmato dal ministro Giorgetti, definisce l’elenco delle attività che hanno diritto a usufruire del sostengo economico, in quanto rimaste chiuse per un periodo complessivo di almeno cento giorni, nonchè i criteri e le modalità per richiedere il contributo.

I termini per l’avvio delle richieste dei beneficiari verranno comunicati dall’Agenzia delle entrate, che potrà successivamente procedere con l’accreditamento diretto del contributo a fondo perduto.

 

BENEFICIARI

47.78.31 Commercio al dettaglio di oggetti d’arte (incluse le gallerie d’arte)
49.39.01 Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o suburbano
56.21.00 Catering per eventi, banqueting
59.14.00 Attività di proiezione cinematografica
79.90.11 Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento
82.30.00 Organizzazione di convegni e fiere
85.51.00 Corsi sportivi e ricreativi
90.04.00 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche
91.02.00 Attività di musei
91.03.00 Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili
92.00.02 Gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone
92.00.09 Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse
93.11.10 Gestione di stadi
93.11.20 Gestione di piscine
93.11.30 Gestione di impianti sportivi polivalenti
93.11.90 Gestione di altri impianti sportivi nca
93.13 Gestione di palestre
93.21 Parchi di divertimento e parchi tematici
93.29.10 Discoteche, sale da ballo night-club e simili
93.29.30 Sale giochi e biliardi
93.29.90 Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca
96.04 Servizi dei centri per il benessere fisico
96.09.05 Organizzazione di feste e cerimonie

 

TRASFORMAZIONE DIGITALE PMI: MISE STANZIA 100 MILIONI DI EURO. DOMANDE DAL 15 DICEMBRE.

Il Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato il bando “Digital Transformation”con l’obiettivo di sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle PMI.

In particolare, il bando finanzia:

  •  L’implementazione delle tecnologie abilitanti individuate nel Piano nazionale Impresa 4.0 (tra queste realtà aumentata, cloud, cybersecurity, big data)
  • Tecnologie relative a soluzioni tecnologiche di filiera (software, piattaforme e applicazioni digitali per la logistica, sistemi e-commerce e di pagamento digitale, ecc…)

Tra i soggetti beneficiari rientrano le PMI che hanno conseguito nell’ultimo bilancio ricavi pari almeno a 100 mila euro operanti nei seguenti settori:

  • Commercio all’ingrosso e al dettaglio;
  • Turismo (Alberghi, strutture ricettive, agenzie di viaggio, tour operator e servizi di prenotazione),
  • Edizioni e produzione di software, consulenza informatica etc;
  • Direzione aziendale, consulenza gestionale, pubblicità ed altre attività professionali.

La misura prevede un investimento minimo di euro 50.000, per un massimo di 500.000 euro e prevede contributi per la copertura fino al 50% delle spese, così articolati

  • 10% sotto forma di contributo in conto capitale
  • 40% come finanziamento agevolato (senza interessi)

IMPORTANTE

Il 25% delle risorse, su un totale pari a 100 milioni di euro, è riservato a progetti proposti da MPMI che abbiano sottoscritto un contratto di rete. Inoltre, EDI – Confcommercio, il nostro Digital Innovation Hub, è stato individuato come soggetto capofila per le progettualità presentate dalle reti di impresa.

Sara possibile inoltrare le domande di agevolazione dal 15 dicembre 2020, esclusivamente attraverso procedura informatica, tramite i portali di MISE o Invitalia